Il Noma è un ristorante situato a Copenaghen, in Danimarca, aperto nel 2004. Il nome è una parola composta dai due termini danesi”nordisk” e “mad”, ossia nordico e cibo

Lo chef è il danese con ascendenze albanesi René Redzepi, nato il 16 dicembre 1977, e il ristorante, al quale la Guida Michelin ha assegnato due stelle, è stato giudicato per ben quattro volte il miglior ristorante del mondo secondo la classifica The World’s 50 Best Restaurants della rivista Restaurant, nel 2010, nel 2011, nel 2012 e nel 2014, mentre nel 2013 ha ottenuto il secondo posto, alle spalle del ristorante spagnolo El Celler de Can Roca.

Il Noma si trova in un vecchio magazzino costruito nel 1766 e situato sull’isola artificiale di Christianshavn circondato dai canali della capitale danese. Nelle vicinanze si trova la Grønlandske Handels Plads (piazza del commercio groenlandese) che per circa duecento anni è stata il centro del commercio con le isole Far Øer, la Finlandia, l’Islanda e la Groenlandia. Il magazzino fungeva da deposito per il pesce essiccato, le aringhe salate, l’olio di balena e il pellame prima che fossero venduti nei mercati europei.

Completamente ristrutturato, nel 2004 il magazzino è stato trasformato nel centro Nordatlantens Brygge per l’arte e la cultura della regione dell’Atlantico del Nord. Oltre al ristorante, sono presenti l’ambasciata islandese e gli uffici di rappresentanza diplomatica di Far Øer e Groenlandia.

Al noma puoi assaggiare alghe islandesi, pesce d’alto mare faroese, bue muschiato della Groenlandia e acetosella delle foreste danesi. Gli chef si occupano di ogni fase della preparazione: salatura, affumicatura e salamoia e sono all’avanguardia per quanto riguarda la combinazione degli ingredienti in modo innovativo.